I ”Figli diversi”

Molto spesso i figli di genitori divorziati o separati mostrano maggiori problemi comportamentali causati dal conflitto coniugale che spesso è accompagnato dal minore affetto, minore interazione con i bambini e più volotà di punire i figli, che lascia loro stessi più insicuri.

in queste situzioni bisognerebbe essere più lucidi evitando di dare le colpe ai figli, di farli assistere a liti famigliari, di non considerarli. i figli non hanno nessuna colpa se tu genitore decidi di interrompere il matrimonio, quindi non ti lamentare se il bambino a scuola è irrequieto o se non riesce a studiare e magari porta a casa voti brutti.

non sgridarlo tutte le volte che arriva a casa dicendogli che dovrebbe fare di più perchè come stai soffrendo tu, sta soffrendo anche lui. non saranno azioni volontarie, ma lui che vorrebbe vedere i suoi genitori crescerlo insieme, lui che non si dimeticherà mai delle vacanze al mare, le risate in famiglia..lui che non riuscirà mai a vedere mamma e papà separati.. perchè avrà mille paure come quella di essere messo da parte.

 

 

Lettera di Sara (figlia di genitori divorziati)

Avevo 13 anni frequentavo la seconda media, mi ricordo come se fosse oggi il momento in cui i miei genitori mi hanno dato la notizia. Ero in camera tranquilla che leggevo un libro e ascoltavo la musica con il lettore cd, quando i miei genitori entrarono in camera, si misero ai piedi del mio letto e con lo sgardo basso mi dissero: ”dobbiamo parlarti”.

Avevo già capito tutto ma da qualche tempo ormai perchè i litigi in casa erano smepre più frequenti, ma quella sera era tutto diverso perchè nonostante fossi consapevole che primo o poi quel momento sarebbe arrivato ci rimasi male, con un vuoto immenso dentro di me. Nel lettore cd scorreva la canzone di Eros Ramazzotti e io in lacrime come non mai abbracciavo forte al mio petto la mia dolce bambola di pezza di nome Camilla.

Qualche giorno dopo, ripresi la scuola ma per fortuna da li a qualche giorno sarebbero iniziato le vacanze di Natale, proprio cosi, passai il peggior Natale della mia vita. per fortuna che in tutto questo mio fratello essendo ancora piccolo avendo solo 7 anni non si rendeva conto più di tanto ma soprattutto non faceva domande.

nonostante la brutta notizia della separazione i miei decisero di rimanere ”separati in casa” per qualche mese il tempo di fare tutte le cose legali ma anche il tempo di trovare una nuova casa per mia mamma. Il 25 dicembre 2006 passai l’ultimo Natale in famiglia ma con un clima molto rigido durante tutta la festa.

Passate le festività, trovammo casa con mia mamma ma il giudice stabili il fatidico ”affidamento congiunto” . Io e mio fratello costretti a viaggiare sempre da una casa all’altra con questa valigia in mano perche passavamo il lunedi e martedi con mamma mercoledi e giovedi con papà e il week end alternati.

Iniziai a farmene una ragione a pensare di andare avanti anche perchè nonostante i miei genitori si fossero separati i loro rapporti erano ottimi, questo mi rassicurava. Dopo qualche mese mio papà incontrò un altra donna, con la quale ebbe un secondo matrimonio. Mia mamma invece non si risposò per incontrò anche lei un altro uomo.

Se devo essere sincera all’inizio ero molto gelosa sia di mio papà che sia di mia mamma, ma a un certo punto ero per lo più confusa perchè avendo anche loro altri figli eravamo sempre tutti inisieme e le famiglie allargate non mi sono mai piaciute, si creano tante discussioni.

Per fortuna con il passare del tempo mi sono distaccata dalla nuova moglie di mio papà in quanto si rivelò una strega (aggettivo ancora discreto). Dopo ben 12 anni del nuovo matrimonio per sfortuna di mio padre ma per fortuna mia ci fu la seconda separazione.

Ora ho 25 anni, ho una mia vita, una mia famiglia ho vissuto troppe emozioni dalle belle alle brutte dove per un attimo nmon trovavo nenanche più la forza di andare avanti. Non ne faccia una colpa ai miei genitori perchè a distanza di tempo sono sicura che hanno fatto bene a separarsi, però non bisogna mai dare troppo per scontato le persone, non bisogna ferirle cosi tanto da farle soffrire. ho sofferto cosi tanto in questi anni per tutte le incomprensioni successe, per tutto quell’amore che non mi è stato dato, adesso sono contenta di aver ritrovato i miei genitori ma la mia felità più grande è avere una MIA famiglia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *